Feeds:
Articoli
Commenti

Insomma anche oggi mi sono svegliata con le lacrime agli occhi. Da qualche settimana faccio sogni molto strani. Non sono incubi violenti, riguardano sempre il lavoro e la mia situazione di precarietà. E al mattino mi sveglio intorpidita e depressa. A nulla è servito il fatto che abbia trovato un lavoretto perditempo. Dentro di me voglio solo fare il mestiere per cui ho tanto sudato. Vorrei svegliarmi al mattino e sapere dove devo andare a lavorare, essere certa che ho un posto, uno stipendio. Non dovere sempre farmi i conti in tasca, rinunciare a una birra, a un vestito, a un cinema, rinunciare a me stessa.

Ho contattato un mio sindacalista. La situazione è drammatica e ancora di più a causa delle elezioni. Non si muove una mosca. E’ possibile che tutto il paese sia legato solo e sempre alla politica. Posti di lavoro, iniziative, economia, produttività…tutto è fermo…

Mi sale dentro un senso di schifo e di arresa. Non sono fatta per stare al passo con gli squali del nostro tempo. Mi sento remissiva. E quindi piano piano passano gli anni e rischio di affogare…o come dicono gli esperti…di essere fuori dal mercato. Dopo tutto quello che ho fatto è assurdo. E allora a prima mattina piango.

precaria 

caos-calmo.jpg 

Sono di ritorno da un paio di settimane molto dure. Ho preso quel nuovo lavoro che cmq mi occupa parecchio tempo e poi tra visite di parenti, svuotamento di una tanica di raccolta dell’acqua di oltre 300 lt con relativo trasporto in campagna, pulizie varie ed eventuali, un episodio di tachicardia per lo mezzo, non ho avuto molto tempo per scrivere e leggere. Ed eccomi qui sempre a lavoro e sempre senza una lira. Note positive: ho visto un bel film, Caos Calmo (questione scena di sesso: ovviamente la reazione esterna è eccessiva), finalmente mio padre è venuto a vedere casa nuova, è venuto qui anche il mio amico architetto per farci capire come abbatterà una parete, ho ricevuto in regalo una scatola di cioccolatini della Lindt.

per quanto riguarda la politica: continuo a non volere andare a votare. soprattutto oggi che ho visto il mio ex assessore (che pena!). Cerco sempre un posto di mare….

baciuzz 

ci si ritrova al mare?

In Aprile il mare è bellissimo. Soprattutto al sud. In sicilia e in puglia ma anche in campania, nel cilento, non vi sono turisti. Puoi rilassarti, ascoltare il profumo del mare, abbronzarti al primo sole di primavera con serenità senza dovere sgomitare per occupare un posto in riva al mare. A metà aprile vorrei organizzarmi una vacanza. Tornare a porto badisco, mazzara del vallo, donnalucata, oppure a pioppi nel cilento. In posti dove sono già stata. In case dove non c’è la tv, il primo giornalaio è a 20 km. Fuori dal tempo e dall’informazione.

Mi dicono qui di fianco che ci sono le elezioni.

Meglio, la vacanzina me la godrò di più. Temp ci accordiamo??? Io porto anche il VINICIO!

Novità

Che s’adda fa’ pe’ campà!!

In questi ultimi due giorni le cose si sono smosse. Grazie a un’amica sono riuscita ad ottenere un ufficio stampa. Per me poco edificante. Un centro commerciale…immenso…in provincia. Beh almeno è un fisso (minimo) per pochi mesi. Giusto per campare. E vista la mia situazione ovviamente ho accettato. Oggi contratto lo stipendio secondo me un po’ esiguo. Ma la notizia è un’altra. Ho fatto un colloquio di lavoro. Il primo da molti anni. La cosa mi ha gratificato. Anche perchè il mio curriculum questa volta è valso a qualcosa. Si è aperto uno spiraglio. Forse, ma come sempre io sono scettica. Finchè non lo vedo … non ci credo…

ASTENSIONE

BASTA, AMICI NON ANDIAMO A VOTARE!!!

La politica, gli uomini che oggi occupano quelle sedie, devono ricevere una lezione di buon gusto, educazione, legalità. Solo gli elettori gliela possono dare. E siccome non vi sono attualmente in parlamento forze politiche al di sopra di tutto la soluzione è unica: NON VOTARE.

Mi appello a voi… 

mi succede che…

Insomma sono stata presa di nuovo in giro. Non vi è spazio per me nell’azienda per cui lavoro. Non c’è mai stato e non ci sarà. Tutto questo non mi aiuta. Ormai ciclicamente mi capita di essere messa da parte per fare spazio a qualcuno. Sono molto stanca e ho un senso di rabbia crescente che non riesco a incanalare in qualcosa. Confusa, delusa. Voglio lasciare tutto ormai guardo anche gli annunci di segretaria, commessa ecc ecc. E continuo  a pensare che questo paese è allo sfascio e me ne voglio andare. Subito. Non vi è alcuna speranza per gente come me. Nè ora nè mai. Mi manca l’appoggio politico, mi manca la cattiveria. Se il governo è in crisi noi giovani lo siamo da 10 anni e nessuno se ne preoccupa. Che cada il governo, che vadano via tutti. Ma solo una guerra civile potrà cambiare le cose. Solo la gente può scendere in strada e dire BASTA.

lacrime

Mi hanno fatto piangere di nuovo. Non c’è alcuna speranza. Non ho un futuro. Non sono niente.

vinicio-031.jpg

Cronaca del passaggio dalla discarica di Pianura a Monsignor Milingo in soli 10 giorni senza tralasciare VINICIO.

Questi primi giorni dell’anno sembrano essere durati una vita. Lo stress, le notti insonni e la puzza di spazzatura mi hanno seguito fino a casa. Ho dovuto più di una volta ricordarmi di fare ascesi (ommmmmm) per non impazzire. Ma il destino mi ha riservato altre sorprese. In poche ore sono passata da un’emergenza rifiuti che ormai secondo me non si dovrebbe chiamare “emergenza” ma soltanto “normalità”, a una kermesse per SPOSINI. “IO??” ho detto al mio capo quando me lo ha comunicato. E così fu. Oggi giornata che avrei voluto dedicare interamente al Vinicio (che ho visto solo per 5 ore) sono dovuta invece andare a una fiera dove ero circondata da abiti da sposa, torte, bomboniere e tutto l’occorrente per il “perfetto matrimonio” che qui va tanto di moda. A napoli si sposano di più che in tutte le altre parti del mondo. Ad allietare il tutto la presenza di Milingo e consorte che portano in giro per il mondo il diritto al matrimonio. Nulla da eccepire anzi che lo facciano pure, ma quando ho chiesto al milinghino cosa pensava dei matrimoni gay si è dimostrato un vero MONSIGNORE, infatti ha detto “no, non se ne parla proprio, è innaturale”. A quel punto ho spento il registratore e me ne sono andata. Ma vedi tu se mi devo perdere le coccole del Vinicio per un tizio come questo. Ma non finisce qui. Dall’altra parte dei padiglioni c’era il prete padovano che ha compagna e figlia. Lui più simpatico mi è sembrato possibilista per i matrimoni gay. A lui ho dato qualche riga in più. Mi ha cmq incuriosito il fatto che i due preti non si sono voluti fare fotografare insieme, non hanno voluto visitare gli stand insieme. Separati da metri di expo si sono ignorati. Eppure pare che tra i due vi siano trattative per un partito del “MATRIMONIO PER TUTTI”. La spiegazione secondo me sta nel fatto che la chiesa li tiene sotto tiro e che i due non la vogliono tirare troppo altrimenti si spezza.

A questo punto direi che l’OMMMM di cui sopra sia necessario per districarsi in questa giungla di pazzi, sabotarori, immondezzai, ultras, matrimonialisti, sessisti, supercommissari, presidenti di regioni, bombe carta e molotov. E manco a dirlo il Vinicio. 

Credo che tornerò a seguire il corso di YOGA.

Sono di nuovo in rete

Olaaa, amici, sono di nuovo in rete. Finalmente la linksys è entrata in casa con un bel modem Wireless.

Stasera mi collego e vi racconto un po’ di cose….baci.

precaria di nuovo in rete

Cari, come sapete non ho ancora internet nella casa nuova. Ma a dire il vero non ho neanche molto tempo per scrivere. Da una settimana sono ovviamente a Pianura sulla discarica a lavorare. Non ho commenti da fare, la gente ha ragione, i teppisti che hanno dato vita agli scontri sono solo affiliati alla camorra, la situazione è esplosiva e dopo notti di lavoro oggi forse riesco a riposarmi un po’. Vi abbraccio e buona befana. Ovviamente la befana è passata anche da casa mia…K. mi ha regalato l’ultimo di HARRY POTTER. MI fiondo a leggere prima di dovere ritornare a lavorare stasera…baci. Precaria.